Autore Topic: U Sciuscialuoro: Pago le tasse per fare ciulare mia moglie dai nord africani  (Letto 2459 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Era li u sciuscialuoro,
a lasciarsi scaldare il cuore con le sensazione di un libro a colore
ilare, vicino al muso del suo cane a scrivere poesie,
ispirato dalla sua venerata musa in divisa  :il capitano dei carabinieri!
quel capitano tanto amato e stimato e slinguazzato dal sciuscialuoro.
 non c era una mosca che nn volasse in paese, che u sciuscialioro nn segnalasse al capitano dei carabinieri, ed il capitano in segno di immensa  gratitudine,dava sempre una manciata di crocchette  o sciuscialuoro ,come si fa con i cani quando ubbidiscono.
 
Quando all'improvviso come un fulmine a ciel sereno  la consulta giovanile interruppe e spezzo per sempre  quella sua vita idilliaca,  con quell'annuncio sciagurato lo  condannò per sempre  all'eterna dannazione .
da subitò gli mancò  il terreno sotto i piedi, da  subito fu panico, ansia, angoscia ,per lui era finita ! la sua vita oramai era finita !
 l'annuncio maledetto  recitava:
"doveva prima o poi accader , 30  immigrati di guerra  nord africani oggi sono giunti in  paese"!

 u sciuscialuoro Prese subito atto che 30 nordafricani erano in paese e chiedevano lo status di rifugiati politici, prese atto che lui da contribuente avrebbe sovvenzionato tutto a loro, dal pallone di calcio agli inevitabili presevartivi.
 Fece peste e corna, insultò la consultà che voleva umanamente assisterli, aizzò i giovani del paese al razzismo,e soprattutto andò a baciare i piedi del capitano dei carabinieri per avere concessa la grazia :l'espulsione immediata di nord africani dal paese!

Non nn erano semplici immigrati di guerra , erano nord africani,e nelle fantasie sessuali di sua moglie da sempre era presente  la voglia  di scappare  con un nord africano, e adesso che erano in paese nn l'avrebbe più potuta fermare.
 
annullato e ossessionato, nel corpo e nello spirito Si era anche  fatto in tempi passati  un allungamento al pene, per cercare in tutti modi , di emulare il pene dei nord africani , l'unico modo che aveva concepito per soddisfare quelle fantasie sessuali della moglie,fantasie che lui considerava abnormi, spoporzionate, eccessive,smisurate, per il suo pene.

Tutto procedeva bene,la moglie  a letto appagata aveva smesso di pensare ai nord africani e lui si era dedicato serenamente alla poesia,al capitano e al suo cane,e più guardava il   muso del suo cane
  è più provava una felicità lieve.

Era un uomo felice, non gli mancava nulla: il muso del suo cane, il capitano, le poesie, la moglie ed il pene come quello dei nord africani.

Finchè un brutto giorno,  la moglie forsennata più che mai tornò prepotente e vogliosa  a desideare ancora una volta  un nord africano, u sciuscialuoro era consapevole dei  modi truci della moglie, dei suoi limiti, dei limiti di quel pene adesso più lungo si, ma più delicato, sapeva bene cosa rischiava ma doveva  soddisfarla quella moglie mezza ninfomane   che minacciava  senza mezzi termini  fantasie e fughe annunciate in africa e, senza remore col cuor stretto stretto in petto, si fece coraggio e andò incontro al suo destino.

 Poco dopo Un urlo frustrato e agghiacciante della moglie confermò quello strappo che aveva appena avvertito :
 l'impianto di allungamento pene, si era staccato, u sciuscialuoro era misaramente fallito, non era riuscito ad emulare il sesso dei nordafricani che la moglie tanto ambiva morbosamente..
Costernato riuscì  anche recuperarlo , ma il muso del suo cane,sempre presente glielo strappò di mano, e scambiandolo per salsiciotto ne fece banchetto.
Per la prima volta guardando il muso del suo cane ,non provò più lieve felicità.

Per distrarsi  aveva anche chiesto ed ottenuto dalla casta
 la carica  di consigliere comunale,
e più tardi aveva intrecciato una strana amicizia con il capitano dei carabinieri, sfogava così tutte le sue frustrazioni, spiando il paese e referendo tutto al capitano, in cambio di una manciata di crochette e qualche zuccherino.

E adesso a quel capitano, doveva a tutti i costi consegnare, quegli immigrati nord africani prima che fose troppo tardi.
Troppe coincidenze lo facevano tumultare:
Tutti i giorni si piazzava sotto la struttura che ospitava gli immigrati dell'africa, li doveva assolutamente e subito prendere in castagna, appena avrebbero tardato 1 secondo il rientro, li avrebbe consegnati al capitano che senza indugio li avrebbe rimpatriati.
Ma una sera dopo le 22:00 assistette ad una visione inquietante, un ombra  di una donna vagava con un nord africano, nella strada buia  a ridosso della struttur ospitante, quello stesso giorno un sciuscialuoro impotente tornando a casa, nn trovò la moglie ai fornelli,
ne la trovò ai ferri a fare la maglia,  u sciuscialuoro vagò ansioso, cercandola ovunque  in tutte le stanze, in lungo e in largo  ma della viziosa di sua moglie ,senza dono di ubiquità, non c 'era "ombra" in quella casa !