Autore Topic: CISL E UIL lunedi in sciopero  (Letto 1030 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
CISL E UIL lunedi in sciopero
« il: 05 Dicembre 2011, 17:53:14 »
«Noi chiediamo che l'economia sia ravvivata da un minimo di spesa pubblica e dai consumi. Chiediamo a tutti i nostri militanti della Cisl, ma anche la Uil e la Ugl sono d'accordo, che lunedì prossimo le ultime due ore siano di sciopero protesta per recarci davanti alle prefetture per riaprire le trattative. A Roma saremo sotto il Parlamento» ha dichiarato il leader della Cisl Raffaele Bonanni.
CGIL - Una scelta quella di Cisl e Uil di andare a uno sciopero contro i provvedimenti contenuti nella manovra «da sole», senza una consultazione con la Cgil, così come era stato deciso domenica, che ha provocato irritazione stupore e nel sindacato di Corso Italia

PREVIDENZA - «I più colpiti sono i lavoratori nati negli anni '50 raggiunti dal fuoco concentrico del contributivo e dell'allungamento dell'età pensionabile e tra questi soprattutto le donne». E' amareggiato il segretario generale della Cisl dopo il varo della manovra.

RIGORE - «Non c'è traccia nella manovra che faccia pensare che oltre al rigore ci sia anche l'equità. Noi riteniamo un errore evitare il rapporto con le parti sociali. Se si commissaria la politica non sarà il sociale ad essere commissariato. Interverremo sui parlamentari perché ci sia un minimo di discussione. Senza trattativa non ci può essere equità» ha aggiunto Bonanni.

FISCO - Poi per quanto riguarda la vicenda fiscale vorremmo che si aprisse una discussione in modo che oltre a lavoratori dipendenti e pensionati ci siano anche altri che paghino le tasse. Noi rivendichiamo una discussione sul Fisco» ha sottolineato ancora il segretario generale della Cisl.

LAVORO - «Dico a Monti e Fornero che il sindacato non sta qui per licenziare la gente, ha ruolo solo come parte sociale per difendere i lavoratori. Sulla tematica del lavoro il Parlamento deve garantire una discussione equilibrata» ha spiegato ancora Bonanni.

ANGELETTI - «La manovra colpirà soprattutto le donne che non hanno una contribuzione regolare e negli ultimi anni quando avranno una contribuzione più regolare saranno colpite dal contributivo. Sorvolando sull'equità il governo ha puntato a far cassa» ha dichiarato invece il segretario generale della Uil Luigi Angeletti. «Noi poniamo con forza la separazione tra previdenza e assistenza e il problema della previdenza integrativa» ha aggiunto Angeletti.
«Non ci sta bene neanche questa nuova operazione fiscale. Le tasse sono state messe a carico ancora una volta su lavoratori e pensionati. Le uniche cose sono state fatte a favore delle banche e delle imprese» ha sottolineato ancora Angeletti. «La nostra mobilitazione ha lo scopo di convincere il Parlamento prima e il governo poi a porre quelle modifiche necessarie alla manovra» ha concluso Angeletti.