Autore Topic: PALAZZOLO ACREIDE: IL SINDACO SCIBETTA OLTRAGGIA LA MEMORIA DI PIPPO FAVA  (Letto 2808 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Citazione
Un ambizione ancora + grande portare su schermo un opera di un autore di palazzolo: il giornalista ucciso dalla mafia Giuseppe Fava

.



Citazione
Ringrazio poi il Direttore della fotografia   Enrico Tomasi mio amico e socio in paraparlando e poi



Così si autocelebra, Salvatore Caligiore, si dice  molto soddisfatto del corto che ha appena girato, ispirato a Pippo Fava il giornalista antimafia, vittima della mafia.

Sdegno,  rabbia, indignazione  per l'ennesimo illecito del forum  Paraparlando di Enrico Tomasi e Salvatore Caligiore  capeggiato e forte della complicità  dall'amministrazione comunale di Carlo Scibetta, Sindaco del comune di Palazzolo Acreide, attivista in Paraparlando,(attraverso un account aperto e dedicato al comune di Palazzolo Acreide,)
 
Paraparlando Forum illegale, fuorilegge, macchiatosi di gravi reati, quali bullismo verso le donne,(li chiama Puttane, identificandole con nome e cognome)  violazione della privacy dei giovani palazzolesi, ma molto apprezzato e stimato  dalla stessa amministrazione comunale di Palazzolo Acreide e che  concede  i locali del comune di Palazzolo Acreide  per le riprese all'abominevole oltraggio  alla memoria  di   Pippo Fava  giornalista antimafia,morto poi per mani della stessa mafia.
Di Pippo Fava viene  violato senza contegno,senza vergogna, senza dignità alcuna  oltre alla sua memoria e il suo  stesso immolarsi  pro legalità anche  il suo operato per la lotta contro la mafia :  le  sue scomode inchieste  incriminarono commercianti boss e picciotti per collusione mafiosa.

L'amministrazione comunale Palazzolese  sponsorizza  l'iniziativa dell'illegale,fuorilegge Salvatore Caligiore simpatizzante della stessa mafia collusa con la politica, credendoci fortemente e di conseguenza supportandoli attivamente come dichiarerà lo stesso Caligiore, mettendogli a disposizione le sale del comune di Palazzolo Acreide



Citazione
l'amministrazione comunale che ha creduto in questa iniziativa e in me che la proponevo fornendo tutto il supporto necessario.




Paraparlando e la fascinazione per la mafia












vogliamo ricordare a Carlo Scibetta, Sindaco di Palazzolo Acreide, a Enrico Tomasi, amministratore e socio del Forum Paraparlando e allo stesso fuorilegge, Salvatore Caligiore, amministratore, socio e  scrittore infame di paraparlando, simpatizzante fiero ed orgoglioso  della mafia, chi era Pippo Fava e come  morì ammazzato dalla mafia.
 
per capirci di più, nello specifico  riprendiamo   la dichiarazione di Caligiore,  in merito alla politica collusa con la mafia:

"io non faccio colpa  loro ma a chi e mi si scusi il sorriso di  contadino irriverente, si scandalizza + facilmente per una foto con un politico in odor di mafia, ma che alla fine non è costata nulla alla comunità,piuttosto che alla spesa 50 milioni per uno spettacolo di un grande attore, che mai sarebbe venuto senza quei soldi"


E' palese nel Caligiore, la fascinazione che subisce dalla mafia  quando approva la collusione della politica con la  mafia per poter goder senza sborsare un centesimo un attore di grande calibro, frutto di tale  collusione tra politica e mafia, condannando  duramente, chi invece, da onesto cittadino si scandalizza scoprendo un politico in odor di mafia.


Chi era il giornalista Pippo Fava, perchè e per mani di chi mori?




Pippo Fava giornalista intellettuale antimafia



Siamo a Catania negli anni 80, sono gli anni di piompo, un giornalista coraggioso condusse una denuncia-inchiesta sui i 4 imprenditori catanesi  collusi col clan mafioso dei Santapaola, le foto schiaccianti delle prove vennero pubblicati insieme all'articolo cardine della stessa inchiesta antimafia  "I quattro cavalieri dell'apocalisse mafiosa", nel suo mensile dal nome fiero e deciso  I Siciliani.
 Le forze dell'ordine non acquisirono mai ne  foto ne inchiesta. Articolo che se acquisito   da subito avrebbe potuto incriminare la mafia. Fu così che  Pippo Fava,prima sostenitore assoluto della verità poi giornalista intellettuale antimafia  venne prima screditato da Autorità Politiche e forze dell'ordine poi isolato,trovò la morte,per mani mafiose.


Il giornalista Pippo Fava, apprendiamo perciò morire in seguito alla sua inchiesta che vedeva scoperti  dei commercianti collusi con la mafia.

dalla parte opposta della legalita vediamo un Caligiore fermamente  affascinato da questo connubio tra  politica collusa con la  mafia (se la ride pure, con un sorriso irriverente)

Perchè mai allora il Sindaco Scibetta attivista nel forum Paraparlando( attraverso un account ) ha voluto spregevolmente, oltraggiare la memoria,di Pippo fava , morto ammazzato dalla mafia, da quella  collusione dei commercianti con la mafia che il giornalista Pippo Fava denuncio nell'inchiesta  portandola  alla luce.
Perchè mai il Sindaco Scibetta  associa Pippo Fava  al fuorilegge  Caligiore, che dall'altra parte della legalità è fiero della collusione tra politica e mafia?

Perchè il Sindaco Scibetta pur essendo al corrente, della fascinazione del Caligiore per la mafia  (attraverso quell'account attivato nel forum di Paraparlando aggiornato quasi quotidianamente)ha permesso al Caligiore di girare delle scene, ispirate al giornalista Pippo Fava,nelle sale del Comune di Palazzolo Acreide, prendendosi indubbiamente gioco del Fava e del suo sacrificio con la sua stessa vita nella lotta contro la mafia, in quelle scene che ricordano inevitabilmente un Pippo Fava,  massacrato dalla  mafia, quella stessa mafia di cui Caligiore subisce immensa  fascinazione e nutre grande stima.

Riprendiamo ancora una volta  la dichiarazione di Caligiore sulla sua fascinazione per la mafia:

"io non faccio colpa  loro ma a chi e mi si scusi il sorriso di contadino irriverente, si scandalizza + facilmente per una foto con un politico in odor di mafia, ma che alla fine non è costata nulla alla comunità,piuttosto che alla spesa 50 milioni per uno spettacolo di un grande attore, che mai sarebbe venuto senza quei soldi"



Inutile dire che il Sindaco Scibetta al telefono,riconoscendo le nostre voci, mette giù .
Inutile dire che il Sindaco Scibetta non risponde alle mail.
Inutile dire che il Sindaco Scibetta non ci riceve, è sempre impegnato.


Sindaco Scibetta si vergogni, lei è un essere ignobile e non merita lontamente  di governare il Comune di Palazzolo Acreide che lei continua a trascinare nel fango, da troppo tempo oramai.

Sindaco Scibetta si vergogni per la sua complicità col Caligiore e Tomasi socio del Caligiore, stimatori della mafia,  nel  violare la memoria di quell'uomo, di Pippo Fava che mori ammazzato dalla mafia.

Sindaco Scibetta si vergogni per aver venduto il giornalista  pippo Fava,  senza ritegno alcuno  a Paraparlando, a Salvatore Caligiore  che vanta la sua mostruosa fascinazione per la mafia.

E' una vergogna indescrivile quella che oggi si prova per il Sindaco di Palazzolo Acreide,
tanto sdegno per  la memoria violata di quel giornalista  morto per mani mafiose, venduto  al  Caligiore,che oltre ad  ostentare fascinazione per la mafia  da troppo tempo mantiene anche  il silenzio su una subcultura mafiosa palazzolese, di sua conoscenza, proteggendo  così gli stessi mafiosi che la compongono.

Dichiarazione dell'esistenza della Subcultura mafiosa Palazzolese di cui il  Sindaco Scibetta è al corrente. ( L'account del comune di Palazzolo Acreide posta quasi quotidianamente in paraparlando se si posta, si legge anche!)






L'account attivo del comune di Palazzolo Acreide, aperto in Paraparlando, dall'amministrazione comunale Scibetta.














Offline Mimì Metallurgico

  • Utente normale
  • ***
  • Post: 150
Su tutti i fronti le autorità sono impegnate nella lotta senza ma e senza se della mafia, il Sindaco Scibetta per concedere le sale del comune di Palazzolo Acreide a dei simpatizzanti della mafia, reo confessi,spero abbia almeno una miserabile giustificazione.
Che dobbiamo farci questa è!!!!

Una cuorisità, seppur inquietante, chi è  il politico in odor di mafia a cui fa testo il Caligiore?

Niente, niente lo conosciamo pure, non nego che  un mezzo dubbio mi passa per la testa, seppur resterà mio e non condivisibile.
Il diavolo si dice fare le pentole e nn i coperchi... chi vivrà vedrà.

Intanto un altra cosa ho notato,in questi giorni, Enrico Tomasi, il socio di Caligiore in Paraparlando, è particolarmente nervoso, attacca i nuovi utenti,con troppa irruenza a tratti minacciandoli, chissà poi perchè? Cosa turba il Tomasi? Cosa lo rende così irascibile.

Intanto, mi tocca fare delle ricerche sui i concorsi dei corto, al quale intendono partecipare i 2 soci dell'illecito, (sponsorizzati dal Sindaco di Palazzolo Acreide, Carlo Scibetta), mercificando a loro uso e consumo il giornalista Pippo Fava.
Per avere 1 minuto di gloria,cosa non si farebbe, da simpatizzanti della mafia e si arriva anche a parlare, insultando le loro memorie, dei morti ammazzati della mafia.
Dicevo, mi tocca fare queste benedette ricerche e far pervenire alle  redazioni addette alla selezione concorsi , materiale scottante di Paraparlando simpatizzante della mafia.

Se stavolta non cade male la banda bassotti.