Autore Topic: Yann Tiersen il 22 Novembre alle Ciminiere di Catania  (Letto 1212 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Polistrumentista, autore e interprete straordinario e originalissimo: formazione classica alle spalle, folgorato in seconda battuta dal rock meno allineato come dal minimalismo e dalle colonne sonore e dalla tradizione bretone. Originario di Rennes, ma ormai da anni fisso a Parigi, grazie a una manciata di dischi che mescolavano ascendenze bretoni e melodie malinconicamente pop, già alla fine degli anni ’90 Yann Tiersen era un vero e proprio caso di culto assoluto in Francia.
 
La celebrità su larga scala, fuori dai propri confini nazionali, è arrivata grazie alle colonne sonore di due fortunatissimi, ed altrettanto eccellenti, film: Il Favoloso Mondo di Amelie e Goobye Lenin, che già in sé possiedono tutte le caratteristiche e gli umori tipici delle composizioni di Tiersen. Prima di quel momento, il pubblico italiano, il più attento almeno, lo aveva conosciuto per Le Phare, il suo primo grande successo in Francia, pubblicato in Italia dal Consorzio Produttori Indipendenti capitanato da Giovanni Lindo Ferretti (CCCP, CSI e molto altro ancora). Disco che fece drizzare le orecchie a molti.
 
In tutto questo, e in questi anni, un pugno di dischi tutti di assoluto valore e bellissimi, in cui troviamo chitarre bassi e batterie, ma anche fisarmoniche, pianoforti, violini, carillon, alternando strumentali a pezzi cantati.
 
Il 18 ottobre, proprio pochi giorni prima della data di Catania, uscirà Skyline, il suo nuovo disco, per la Mute Records - storica etichetta londinese, la stessa di Moby, Nick Cave, Depeche Mode, Goldfrapp e molti altri: insomma il Gotha della musica degli ultimi decenni.
 
Disco che, assieme al repertorio storico, costituirà l’ossatura del concerto. Con lui sul palco, Robin Allender alle chitarre, Neil Turpin alla batteria, Lionel Laquerriere alle tastiere e voce, Stephane Bouvier al basso e Olavur Jacobson alla voce e synth.

Ingresso € 28,00