Autore Topic: Max Pezzalli : 29 luglio Unica tappa in Sicilia -Agira- ingresso gratuito  (Letto 997 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Venerdì 29 luglio, alle 20,30 presso il Sicilia Fashion Village di Agira, Max Pezzali si esibirà con il suo «Terraferma Tour Live 2011», per l'unica tappa siciliana del tour, partito lo scorso 30 aprile. L' artista pavese si esibirà - ingresso gratuito - nell’agorà dell’Outlet Village di Agira, portando sul palco i successi del suo ultimo album «Terraferma», ricco di un insieme di suoni più dinamici che mostrano un Pezzali più maturo.

«Alla fine del mio percorso evolutivo credo di essere arrivato con questo album a rivalutare certe atmosfere elettroniche quasi dance di quel periodo – spiega il cantante – Quindi tutto sommato non credo ci sia stato un cambiamento drastico: evoluzione, ma sempre con un sapore pop. Questo album e il tour che lo ha seguito, segnano un momento importante della mia storia artistica, una sorta di sintesi tra i suoni e le tematiche degli esordi degli 883 e le emozioni più introspettive che sento di voler comunicare oggi».

Tra successi di oggi e indimenticabili hit, verranno ripercorse le tappe della vita musicale di uno dei più apprezzati artisti del panorama musicale italiano. «Diciannove anni sono tanti, cambiare è normale – continua Pezzali – Senza dubbio mi sento più sicuro di me sul palco e in altri aspetti del mio lavoro; l’esperienza mi permette di essere più tranquillo senza venire soggiogato dall’ansia o dalla paura di sbagliare. Anche i testi delle mie canzoni ovviamente raccontano la realtà che vivo oggi e non il mondo di un ventenne come accadeva agli esordi. L’entusiasmo invece è rimasto quello di allora: guai se l’abitudine prendesse il sopravvento, sarebbe il segnale che è il momento di smettere».

Un amore, quello per la musica, che si coniugherà con quello per la Sicilia, terra adorata da Pezzali «per la varietà e la solennità dei suoi paesaggi, per la straordinaria cucina, e per il calore e l’umanità della sua gente».