Autore Topic: Esposto al Fotografo P.N dalla Procura di SIRACUSA forti segnali positivi  (Letto 3496 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Il Fotografo P.N  denunciato  circa 2 anni fa  per residenza  mendace sui documenti, falso ideologico col quale ottenne il beneficio di un pass strisce blu n.22 , configurando  truffa alle  casse  pubbliche , oggi il  fascicolo a lui intestato  è sotto sbarra in procura. seppur per vie trasversale.

Tanta fiducia  non si ripose da subito in quell’esposto, qualcosa da subito lasciò trasparire poco interesse da parte delle forze dell’ordine nel seguire il  caso, quando addirittura non si sospettò di insabbiamento.
Lo stesso esposto non fu neppure cosa semplice farlo acquisire  ai Vigili Urbani, Il Tenente Scofani abbandonò il comando per andare con urgenza  dal Sindaco, Il comandante  anche lui ebbe il suo da fare, solo quando al comando dei vigili urbani  si resero conto  della determinazione di fare acquisire a tutti i costi quell’esposto ,al costo anche alla di chiusura,  di  farsi chiudere  dentro  al comando all’occorrenza, se fosse stato necessario,solo così  acquisirono l'esposto.
Solo 10 minuti prima di scappare dal Sindaco Scibetta   Il Tenente Scrofani aveva trovato il tempo dietro  diretta richiesta del fotografo  P.N di andare a contravvenzionare un espositore che dava giusto fastidio al Fotografo.
Espositore che si era vista ritirata la concessione da un Sindaco Scibetta troppo solidale, troppo amico, troppo confidenziale con lo stesso Fotografo, Fotografo che campeggiava sulle stesse missive del Sindaco Scibetta con la  quale ogni giorno ordinava qualcosa in nome del Fotografo P.N.


Addirittura nell’ambiente circolò anche  la viziosa voce  che quell’anno la A.E.Z.A
 dell’ è ccelso colonnello   PEPPE NITTO, prestò gratuitamente dei servizi  di sicurezza al paese in occasione del Carnevale.

Come mai tutta questa genorisità, tutta questa magnanimità d’animo del Colonnello PEPPE NITTO  nn venne più a ripetersi negli anni successivi ?

( Per altro Fu un  anno  molto creativo quello  per il Carnevale Palazzolese, tantissime le  maschere buffe che sfilarono quell’anno, tra le quale una molto buffa, buffissima, un folto gruppo non Palazzolese che nessuno mi seppe indicare da dove provenissero, si esibì in corteo in paese, con una strana uniforme, molto divertente,rido ancor adesso a pensarci, altro carnevale  ne a Palazzolo ne ovunque con una  maschera  così buffa così divertente  non ricordo in vita mia d’aver mai visto.)

2 anni dopo l'esposto per vie trasversali   potrebbe arrivare la condanna al Fotografo P.N.
In procura un giudice chiede lumi sui i fatti .


L'esposto venne fatto acquisire ai Vigili Urbani nella primavera 2009, verrà da prassi  subito dopo girato  ai CC per le indagini del caso.
 P.N la fece franca, indagini mancanti, Esposto mandato in prescrizione .

 Un anno dopo i dubbi  nutriti vennero confermati tutti, il caso sulla scrivania del comandante Risino  venne probabilmente insabbiato fino a farlo prescrivere.
decise, chi adesso chiameremo con un pseudo Paolo, di non rinunciare alla giustizia. Decise  di stanare il Fotografo usando armi sconosciute al Fotografo: astuzia ed intelligenza!
 E questa volta Paolo che  si adoperò per portare alla luce i reati seriali del fotografo P.N.  di dubbi non aveva nemmeno uno, il fotografo che tanto amava  il formaggio dentro quella gabbietta sarebbe andato a prenderlo per restarci  inevitabilmente prigioniero!!!!


Usando le risorse del magico Internet, prima dal  Forum Paraparlando, poi da  Iblon, (all'epoca IBLEONET non era stato neppure concepito) Paolo  lanciò una provocazione al fotografo, racconto nelle 2 piazze virtuali i reati da lui configurati spiegandone con dovizia di particolari i fatti,nella loro integrale cronologia  senza nulla  aggiungere o nulla  togliere .Solo la verità  tutta la verità, nient'altro che la verità.

 Sapeva già Paolo  che il fotografo l'avrebbe denunciato per diffamazione, forte di quell'esposto prescritto, non era la prima volta che il fotografo tramava alle sue spalle sostenuto e con la compiacenza del Comandante Risino  e  si che  questa volta questa denuncia  dovette sembrare per il fotografo   manna dal cielo, servita anche in un vassoio d'argento.

 Paolo certissimo  che quella denuncia per diffamazione sporta dal fotografo  non avrebbe mai avuto le sorti di quell'esposto,non sarebbe mai andata in prescrizione, sapeva già che quella denuncia  sarebbe arrivata all'attentione di un giudice,  decise  perciò di  usare un utenza attiva rintracciabile,per postare nei forum,  per non precludersi  l'unica ed ultima possibilità di portare  il fotografo in tribunale, lasciandolo diversamente  impunito e libero come un fringuello di fare ancor danni, ben sostenuto, ben spalleggiato.
Ignaro il fotografo non si è mai reso conto che  dietro quella denuncia per diffamazione,si poteva celare un' autodenuncia ai suoi stessi danni.
Gli stessi reati seriali commessi dal fotografo poi  insabbiati, che lui forte di un esposto prescritto  dichiarava adesso diffamazione alla  sua persona oggi riaprono il fascicolo incriminandolo ancora con un nuovo reato aggiunto : la calunnia .

Il Giudice ha rintracciato Paolo, è ignaro dell'esposto prescritto dei reati seriali , adesso Paolo lo potrà fare acquisire al Giudice



Il giudice attraverso l'utenza  ha rintracciato Paolo, è ignaro dell'esposto con i reati seriali del fotografo  che a Palazzolo venne fatto prescrivere, portando piuttosto avanti la denuncia per diffamazione del Fotografo contro Paolo.
Il fotografo oggi  è ancora  ignaro che quella sua denuncia per diffamazione, come sempre sperato da Paolo gli si è ritorta contro, trasformandosi oggi  in autodenuncia.
(Ignaro per poco, c'è sempre un turuzzu della situazione ad informare tutti )

in questa viscida vicenda si potrebbe anche configurare  Tuttavia un retroscena molto scabroso.
Chi accolse la denuncia del fotografo per diffamazione ?
Venne stilata nella stazione dei Carabinieri di Palazzolo Acreide?
Dalla stessa stazione che aveva fatto prescrivere l'esposto con i reati seriali del Fotografo, che un anno dopo il fotografo contestava attribuendoli a diffamazione della sua persona ?

 un avvocato  sta acquisendo  in questi giorni il fascicolo in procura, vi aggiorneremo, se c'è un torbido ,squallido , inquietante retroscena, ancora una volta farcito di abusi di potere, come ampiamente adesso si sospetta.