Autore Topic: Emergency Catania bandisce un concorso fotografico pro ambulatorio Palermo  (Letto 6045 volte)

0 Utenti e 4 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306



L' Emergency  sede di Catania bandisce un concorso fotografico denonimato "il mare e la vita" Le entrate del concorso sovvenzionano il poliambulatorio  di Palermo che si occupa dal 2006 di assistenza sanitaria gratuita ai migranti e locali in stato di bisogno.

L'iscrizione al concorso € 10,00
I lavori devono esseri consegnati entro il 10/10/2012
Premiazione  26/12/2012






Offline luca

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 22
Vorrei fare notare che da nessuna parte è pubblicata il numero di autorizzazione ministeriale per raccogliere fondi.

Senza autorizzazione la raccolta fondi è illegale.

Chi garantisce a questo punto quanti soldi raccoglierà l'iniziativa e quanti realmente saranno versati pro ambulatorio?



Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
L'autorizzazione ministeriale che li autorizzi ad un raccolta di fondi non c'è l'hanno a sentire il responsabile della stessa campagna pubblicitaria.

Altro non so che aggiungere, ognuno valuti per proprio conto una sua personale decisione, se vuole aderire o meno al progetto.

Non aver un' autorizzazione sicuramente è penalizzante in un mondo di truffe a ridosso del Natale, giusto non aderire alle iniziative farlocche  prive di autorizzazione di aziende, associazione e similari   dedite alle truffe, che  a ridosso delle feste organizzano ogni sorta di concorsi per raccogliere fondi.
 Ma Obiettivamente si deve valutare con buon senso caso per caso, e  sicuramente  Emergency sede di Catania, non avrà l'autorizzazione solo per dei cavilli burocratici  e non certo per cattiva fede.

Conosciamo tutti l' operato di Emergency nel mondo e pensiamo che altro non possa aggiungersi.



I premi in palio, consistono in  regali offerti dagli sponsor :bottiglie di vino, libri  e similari.

Offline luca

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 22
RE:Emergency Catania.....e LA TRUFFA TELETHON
« Risposta #3 il: 18 Dicembre 2011, 00:58:58 »
Non c'è l'hanno l'autorizzazione ministeriale punto e basta.
Non credo che siano così sprovveduti da essere incappati in cavilli burocratici, voglio dire non è gente stupida, sa come muoversi nel campo e se non ha ottenuto l'autorizzazione ci nasconderà certo qualcosa che non dobbiamo sapere.

Vedi Telethon quanti fondi ha raccolto, guadagnondosi la fiducia ad occhi chiusi da tutti oramai, finchè poi basiti non si scoprono gli altarini-truffa di Telethon:


Citazione
E’ scandaloso. Il Telethon raccoglie annualmente tanti euro quanto il bilancio di funzionamento di tutto l’Inserm (Francia). La gente pensa di donare soldi per la cura. Ma la terapia genica non è efficace. Se i donatori sapessero che il loro denaro, prima di tutto è utilizzato per finanziare le pubblicazioni scientifiche, ma anche i brevetti di poche imprese, o per eliminare gli embrioni dai geni deficienti, cambierebbero di parere”. Il professor Marc Peschanski, uno degli architetti di questa terapia genica, ha dichiarato che “abbiamo intrapreso un strada sbagliata”.

*Jacques Testard, direttore di ricerca presso l’Istituto Nazionale Francese della Sanità e della Ricerca Medica (Inserm), uno specialista in biologia della riproduzione, “padre scientifico” del primo bebè-provetta francese, e autore di numerose pubblicazioni scientifiche che dimostrano il suo impegno per una “scienza contenuta entro i limiti della dignità umana”.

Enti caritativi e fondazioni – Sembrerebbero organizzazioni lodevoli per il fatto che destinano i proventi derivanti dalle donazioni alla giusta causa. Ma la verità è un’altra, amministratori e dirigenti hanno stipendi d’oro e giganteschi rimborsi spese. Volano in prima classe, se non su aerei privati, soggiornano negli hotel più lussuosi e pranzano nei ristoranti più eleganti, grazie alle vostre donazioni. Infatti si è scoperto che certi Istituti e Enti di beneficenza spendono più del 40% degli introiti per coprire i “costi amministrativi“.
Jerry Lewis TELETHON ha raccolto più di un miliardo di dollari per la distrofia muscolare eppure adesso i malati di distrofia muscolare sono più numerosi di prima !!!

Tale fallimento era ed è prevedibile in quanto la ricerca finanziata da Telethon si basa per oltre il 50% sull’ utilizzo di animali o cellule di animali. “ I test sugli animali, per la scarsa affidabilità, sono cattiva scienza” ed auspica un radicale cambiamento nella ricerca. A riferirlo è uno dei più noti tossicologi al mondo, il professor Thomas Hartung*.
Ed ancora, della stessa opinione  il professor Horst Spielmann tossicologo della Freie Universitat di Berlino, il Prof. Michael Benatar neurologo della Emory University di Atlanta, in Georgia, specializzato nello studio della sclerosi laterale amiotrofica , Robert Weinberg il professore di biologia del Mit scopritore del primo oncogene umano, il Prof. André Menache medico veterinario e direttore di Antidote Europe, il Prof. Umberto Veronesi oncologo di fama mondiale direttore Istituto Europeo di Oncologia e molti altri autorevoli ricercatori.

La bibliografia scientifica è ormai piena di pubblicazioni che criticano e invalidano la vivisezione ma nessun testo scientifico riporta testimonianze sui benefici della stessa. Le denunce, sempre più frequenti e su organi ufficiali. Il movimento di scienziati che si oppongono alla vivisezione sulla base di teorie unicamente scientifiche sta crescendo continuamente e sono sempre più frequenti gli articoli che, su riviste scientifiche prestigiose, muovono pesante critiche a questo metodo di ricerca.
British Medical Journal (volume 328, 28 febbraio 2004). Journal of the American Medical Association (volume 279, 15 aprile e 20 maggio 1998). Nature (volume 438, 10 novembre 2005). Annals of Neurology (volume 58, dicembre 2005).
*Thomas Hartung, dal 2002 al 2008 è stato direttore scientifico responsabile per la ricerca della Commissione Europea Ecvam, il Centro europeo per la convalida dei metodi alternativi e ora dirige il Caat, Centro per le alternative ai test con gli animali della Johns Hopkins University, e insegna allʼUniversità di Costanza.


Come vedi tanti soldi donati alla telethon solo per farli pernottare in suite da nababbi con i soldi che ci priviamo pensando di donarli per una giusta causa.
E procurargli uno stipendio d'oro, oltre che permettergli la vivisezione, nel 2011, quando già ampiamente è stata trattata la vicenza scabrosa della vivisezione sugli animali; non serve a molto  se non a nulla e ci sono strade alternative più sicure.

Io senza Autorizzazione Ministeriale concessa, non aderisco a nessun progetto ne della Emergency ne di una di quelle associazioni che sentono il bisogno di aiutare gli indigenti giusto a ridosso delle  tredicesime giusto a ridosso del Natale, che si sà la Natività sensibilizza un pò tutti  ad essere in modo indovuto troppo buoni e di manica larga a chiunque ci chieda di fare questua.  Doppiamente  stufo di privarmi dei miei pochi soldi e poi vederli investire in progetti diversi dai dichiarati, che potrei non condividere e peggio dissentire.


Offline Emergency Catania

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 2
Caro Luca,
forse hai leggermente frainteso il tipo di concorso e di “raccolta fondi”.
Il nostro non è un concorso a premi in cui tu compri un prodotto commerciale o un biglietto della lotteria e poi viene estratto a sorte un vincitore. In quel caso ci può essere il dubbio che l’ammontare del montepremi non sia in un certo senso proporzionale alla somma raggiunta o a quanto specificato, soprattutto ci può essere il dubbio che l’estrazione non avvenga correttamente e che io invece dia il premio a mio cugino senza neanche farla.

E’ un contest, una “gara” fotografica, a cui il partecipante concorre esponendo la sua foto e poi una giuria, di cui sono specificati nomi e professionalità, PALESEMENTE esporrà il proprio giudizio ed in base a quello verrà proclamato il vincitore. Quindi viene meno il dubbio dell’inciucio (a meno che un fotografo non paghi la giuria per vincere una cassetta di vini e a quel punto avrei il dubbio se chiamare i carabinieri o la neuro).
Il tutto è specificato nel nostro bando che inviamo a CHIUNQUE ne faccia richiesta prima di iscriversi al concorso.
In questo caso in genere (non sempre) l’organizzatore del concorso chiede una quota di partecipazione per pagare le spese di gestione dell’evento e/o eventualmente guadagnarci qualcosa nel caso lo faccia per professione. Noi qui non abbiamo grosse spese di organizzazione perché i premi e la sala della premiazione sono gentilmente OFFERTI dai nostri sponsor e per il resto provvediamo con i nostri mezzi.
Quindi quella che richiediamo noi in realtà è un’offerta al progetto illustrato (Se tu non partecipi al concorso come fotografo non devi darci niente e non te lo chiediamo neanche).
Non viene chiesto un contributo generalizzato ”alle famiglie” o a chi vuole finanziare il progetto, la quota da devolvere al Poliambulatorio la paga SOLO il fotografo che partecipa al concorso per il piacere di farlo, di vincere un premio, di esporre i suoi lavori, di partecipare ad un’attività che gli piace.

La certezza che i soldi saranno destinati a quel progetto, la da EMERGENCY.
Come detto, anche se l’organizzazione è affidata al gruppo di Catania (che E’ EMERGENCY), ogni singola nostra attività è avallata, approvata e controllata dalla sede centrale e poiché Emergency ha anche una certa fama e riconoscibilità nel mondo, a Milano sono i primi ovviamente a controllare e verificare che tutto in ogni attività fatta in nostro nome rispetti esattamente ciò che promette e quindi ci chiederanno di rendicontare l’intera attività.

Perciò se credi ad Emergency puoi star certo che i soldi andranno al Poliambulatorio di Palermo, se non ci credi non abbiamo molto di cui parlare.

La tua obiezione può benissimo essere “voi potete dire quello che vuoi se non vedo un’aut. Min. non ci credo”.
Ok ci sta e prendiamo atto che tu non ti fidi, non parteciperai al concorso e lo sconsigli a tutti i tuoi conoscenti.
Ammettendo che questa obiezione può anche essere considerata plausibile, ci impegniamo a verificare il tutto e a stare più attenti la prossima volta. Se abbiamo sorvolato su qualche regola, e se abbiamo davvero commesso questo grave errore ti ringrazierò per avercelo fatto notare in modo da non ripeterlo in futuro.
Perché ti assicuro che qui c’è solo tanta buona volontà.

Fa piacere infatti che c’è anche chi, come l’autore del post, che pur evidenziando l’errore/anomalia, ci concede almeno il beneficio del dubbio della buona fede.

Ma poiché c’è giustamente chi è particolarmente attento a sti fatti ed Emergency fa della TRASPARENZA DEI CONTI uno dei propri fiori all’occhiello,  siete con piacere invitati a partecipare alla premiazione e lì saremo lieti di fornirvi tutta la documentazione a dimostrazione del fatto che i soldi sono davvero andati al Poliambulatorio di Palermo.
Se non potrete venire fatecene richiesta e vi invieremo copia del versamento effettuato.
Visto che sei così diffidente immagino ti fidi più di TE STESSO che di un funzionario ministeriale.

Su TELETHON che dire.. se loro coi soldi ci fanno quello non vedo perché dobbiamo risponderne noi. Se uno che fa il tuo lavoro viene arrestato per furto sono autorizzato a DARTI DEL LADRO???

Proprio per i motivi di cui parli tu, PER STATUTO Emergency destina alle spese amministrative e di gestione solo il 10% dei soldi che raccoglie, il resto va direttamente ed esclusivamente ai progetti. Il bilancio è pubblico e facilmente consultabile.
L'UNICA (forse) A FARLO IN ITALIA

Sul fatto che avvenga intorno a Natale è solo un caso (anche se non ci crederai) infatti la scadenza e la premiazione sono ben oltre (cosa gliene frega ad un fotografo se è Natale o meno devo capirlo) e avremmo anche dovuto cominciare a pubblicizzarlo prima solo che poiché il gruppo è appena rinato e si sono accavallate altre attività abbiamo tardato un po’.
Ecco forse può accusarci di poca COMPETENZA questo sì, ma per fortuna quella è migliorabile col tempo e l’esperienza.

Detto questo mi fa ridere (amaramente) vedere gente che da dietro un pc si diverte a delegittimare e denigrare deliberatamente l’impegno di tante persone per bene.
Perché è palese che non hai fatto mai niente di tutto ciò, altrimenti sapresti quanto tempo, lavoro, impegno e denaro ognuno di noi dedica a questi progetti.
 
Quello che mi solleva è che se tutti ragionassimo come te non esisterebbero il Poliambulatorio di Palermo, i Polibus e probabilmente neanche Emergency, grazie invece alla gente che ha imparato a fidarsi di quella E rossa e a riconoscere il valore delle sue attività, quei posti curano decine di persone in difficoltà ogni giorno e il nostro unico scopo è aiutare e impegnarci affinché questo possa continuare negli anni.

Però immagino che l’intenzione non fosse quella di denigrare Emergency, ma semplicemente di mettere in guardia i lettori dalla possibile truffa che si nasconderebbe dietro questo concorso.
Ed è ovvio che è facile attaccarsi a qualsiasi cosa.
(Giusto per la cronaca ognuno di noi ha speso ben più di 10 € solo per far partire questo concorso. Quindi con sta truffa ci staremmo già rimettendo)

Bene io non ho mai ritenuto di avere la verità in tasca e confido molto nell’intelligenza altrui quindi non sarò io a dire cosa i lettori di questo post devono pensare.

Ognuno secondo proprie conoscenze e coscienza ha letto la tua opinione e la nostra risposta , quindi ognuno di loro potrà tranquillamente scegliere se credere a Luca o a Emergency.

<a href="http://www.youtube.com/watch?v=YOQlI2SJLGo" target="_blank" class="aeva_link bbc_link new_win">http://www.youtube.com/watch?v=YOQlI2SJLGo</a>

http://www.twitlonger.com/show/eqb2ov

Saluti.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Caro Luca,

Perciò se credi ad Emergency puoi star certo che i soldi andranno al Poliambulatorio di Palermo, se non ci credi non abbiamo molto di cui parlare.

La tua obiezione può benissimo essere “voi potete dire quello che vuoi se non vedo un’aut. Min. non ci credo”.
Ok ci sta e prendiamo atto che tu non ti fidi, non parteciperai al concorso e lo sconsigli a tutti i tuoi conoscenti.
Ammettendo che questa obiezione può anche essere considerata plausibile, ci impegniamo a verificare il tutto e a stare più attenti la prossima volta. Se abbiamo sorvolato su qualche regola, e se abbiamo davvero commesso questo grave errore ti ringrazierò per avercelo fatto notare in modo da non ripeterlo in futuro.
Perché ti assicuro che qui c’è solo tanta buona volontà.



Visto che sei così diffidente immagino ti fidi più di TE STESSO che di un funzionario ministeriale.




Detto questo mi fa ridere (amaramente) vedere gente che da dietro un pc si diverte a delegittimare e denigrare deliberatamente l’impegno di tante persone per bene.
Perché è palese che non hai fatto mai niente di tutto ciò, altrimenti sapresti quanto tempo, lavoro, impegno e denaro ognuno di noi dedica a questi progetti.
 



Saluti.


Cara Emergency come il mio buon senso ha voluto credere alla vostra buona fede nonostante l'assenza dell'aut. min. concedetemi vi prego di credere anche alla buona fede di Luca.

Viviamo in un mondo di lupi, travestite da pecorelle da presepe giusto a ridosso delle festività natalizie, Luca non ha voluto screditarvi bensì ha voluto forse peccando di troppo zelo tutelare quanti purtroppo restono vittime degli sciacalli della solidarietà.


Apprezzo molto il vostro impegno futuro, di voler affrontare un iter burocratico più trasparente, perchè purtroppo di Luca "bruciati" dalle truffe solidali c'è ne sono troppi anche se non commentano il topic è peggio offrono la loro indifferenza oramai a tutte le iniziative solidali.
Un Autorizzazione Ministeriale in futuro è giusto che ci sia  non tanto per risollevare la vostra immagine da una probabile incompetenza compiuta organizzando il concorso in questione, ma per far sì che tutti possono aderire serenamente alle vostre iniziative , perchè in gioco signori, non c'è la vostra immagine, ma della povera  gente senza Dio, abbandonata da tutti, che voi nobilmente avete preso a cuore e ne avete fatto missione di vita.  Più trasparente è un progetto, meno Luca faranno ostruzione, più fondi raccolti, più persone soccorse.


Io sono un pessimo fotografo, invierò uguale la mia adesione, parteciperò.
L'unica cosa che voglio vincere tuttavia  è solo  un poco di buona sorte anche per le persone sfortunate, che assistete da sempre. Credo alla vostra buona fede.
Magari anche Luca  avrà una foto da inviare, chi può dirlo.

E chissa quanti lettori di Ibleonet, hanno una fotografia per aderire al concorso di Emergency...... Viviamo un pò tutti di sacrifici oramai, ma di cuore 10 eurini oramai non  possono fare la differenza e di sicuro  non  cambiareanno le sorti  del nostro disgraziato bilancio familiare, invece agli indigenti assistiti da Emergency, 10 Euro, cambieranno  la vita e di molto!





Offline Emergency Catania

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 2
Ne prendiamo atto e non possiamo che darti ragione in questo proprio perché, come hai ben detto, in ballo c'è ben altro e quindi vedremo di migliorare anche nei modi oltre che negli intenti.

Grazie.
 

Offline luca

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 22
Caro Luca,
forse hai leggermente frainteso il tipo di concorso e di “raccolta fondi”.
Il nostro non è un concorso a premi in cui tu compri un prodotto commerciale o un biglietto della lotteria e poi viene estratto a sorte un vincitore. In quel caso ci può essere il dubbio che l’ammontare del montepremi non sia in un certo senso proporzionale alla somma raggiunta o a quanto specificato, soprattutto ci può essere il dubbio che l’estrazione non avvenga correttamente e che io invece dia il premio a mio cugino senza neanche farla.

E’ un contest, una “gara” fotografica, a cui il partecipante concorre esponendo la sua foto e poi una giuria, di cui sono specificati nomi e professionalità,


Cara Emargency mio malgrado mi spiace dirvi che non ho frainteso nulla, il vostro concorso suvvia diciamolo sarà anche in buona fede e per nobili fini ma di legale e trasparente non c ha davvero nulla!

Solo un notaio nella legislatura italiana può decretare un vincitore a prescindere si tratti di un "contest" o di una lotteria.

Li dove c'è una tariffa, un prezzo da pagare, per concorrere ad un concorso e conseguente estrazione a premi, per essere trasparenti e legali si deve depositare il bando del concorso presso un notaio, lo stesso poi decreterà il vincitore.

Diciamo che non siete dei virtuosi nel seguire le linee guida previste per le raccolte di fondi, ne potete vantare un comportamento etico alto in materia è faccio testo alla sola  Emergency di Catania.

Un autorizzazione Ministeriale serve per vigilare sul vostro operato che nel vostro caso non esiste e di conseguenza siamo tenuti a fidarci di voi, del solo vostro "fidatevi di noi" come unica garanzia, tuttavia rimanendo anche  coscienti che su di voi nessuno può esercitare per il suddetto concorso nessun tipo di vigilanza con la magra consolazione che  non saremo mai tutelati da eventuali vostri abusi.
Come è accaduto alla Telethon, ci siamo fidati e gli stiamo prmettendo stipendi d'oro con le nostre donazioni/sacrificio.





La certezza che i soldi saranno destinati a quel progetto, la da EMERGENCY.
Come detto, anche se l’organizzazione è affidata al gruppo di Catania (che E’ EMERGENCY), ogni singola nostra attività è avallata, approvata e controllata dalla sede centrale e poiché Emergency ha anche una certa fama e riconoscibilità nel mondo, a Milano sono i primi ovviamente a controllare e verificare che tutto in ogni attività fatta in nostro nome rispetti esattamente ciò che promette e quindi ci chiederanno di rendicontare l’intera attività.

Perciò se credi ad Emergency puoi star certo che i soldi andranno al Poliambulatorio di Palermo, se non ci credi non abbiamo molto di cui parlare.




Perchè allora la sede madre di Emergency di Milano ha permesso una raccolta fondi attraverso un publico concorso alla Emergency di Catania, senza rispettare le regole guida delle raccolte fondi?

Perchè Emergency Milano ha permesso  di non tutelare il donatore e la sua stessa organizzazione?  

La mancanza di trasparenza diventa ben presto scarsa affidabilità e li proprio dove c'erano fini nobili e buona fede, ai  soli danni  di chi ne avrebbe beneficiato; gli indigenti e quanti (mi associo in questo a Gennarino) da sempre con spirito di sacrifio sapete assistere facendone missione di vita.

Parteciperò anche io senza dubbio al concorso, ovvio e scontato non per vincere la cassetta di vini in palio.

Ma mi aspetto che da questo stesso forum dove avete fatto sana promozione al concorso, poi venga pubblicato anche  il rendiconto gestionale accessibile a tutti o in link ugualmente accessibile a tutti del concorso ai solo fini di tutelare i cittadini-sostenitori della vostra iniziativa.

Sempre ben lieto di sostenere le vostre nobili iniziative, ma concedeteci vi prego ,anche la dovuta e giusta  trasparenza a tutela dei  nostri  oramai scarsi introiti  e della nostra sana buona volontà nel non lasciare abbandonati a se stessi i deboli, chi è attualmente più sfortunato di noi e versa in grave stato di indigenza.


Buon Lavoro e grazie per la volontà dimostrata nel volervi migliorare e crescere.







Offline Piero mangali

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 21
Ne prendiamo atto e non possiamo che darti ragione in questo proprio perché, come hai ben detto, in ballo c'è ben altro e quindi vedremo di migliorare anche nei modi oltre che negli intenti.

Grazie.
 

Confidiamo che migliorerete!

Ma scusate, io però non ho capito bene come iscriversi al concorso, ne dove recarmi  per la stessa iscrizione e se nell'era del virtuale è possibile aderire anche per mail, e a quale mail eventualmente inoltrare l'adesione.
Gradirei in tempi utili, vostre delucidazione, grazie.

Buon Lavoro Emergency