Autore Topic: CATANIA:iniziativa Giglio; 25/12 pranzo di Natale insieme ai poveri, barboni,rom  (Letto 1260 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Lo scorso weekend nella centralissima piazza Stesicoro di Catania si è tenuta l'iniziativa «Rigiocattolo», la vendita dei giocattoli usati organizzata nel mese di dicembre in molte città europee da «Paese dell’Arcobaleno». «Rigiocattolo – ha detto il responsabile Piero Giglio – è un'iniziativa lanciata dalla comunità di Sant’Egidio tanti anni fa. I giocattoli che vendiamo sono usati, ma in buone condizioni, e ci sono stati donati dai bambini di alcune scuole ai quali abbiamo raccontato a cosa servivano questi giochi. Anche quest’anno, infatti, il ricavato della vendita andrà a finanziare il programma “Dream”, per la lotta all’aids in Africa. Questo progetto, oggi, è rivolto a dieci paesi africani».

Giocattoli usati per aiutare l'Africa
         
All’iniziativa hanno partecipato anche giovani universitari che hanno aiutato la comunità di Sant’Egidio nella raccolta dei giocattoli. «Il senso di Rigiocattolo – ha continuato Giglio – è, da una parte, il rispetto dell’ambiente (questi giocattoli sarebbero stati gettati nell’immondizia, invece diventano un aiuto per l’Africa), dall’altra parte sono una bella possibilità, in questo periodo di crisi, per poter fare dei regali a pochi euro». Come hanno risposto i catanesi? «Bene. La gente si ferma, chiede perché questi giocattoli usati vengano rivenduti e noi spieghiamo il nostro progetto che viene accolto con entusiasmo.

Tra le prossime iniziative ricordo il pranzo di Natale. Un’iniziativa che viene da lontano: il primo pranzo di Natale fu nel 1982. Si tratta di trascorrere il 25 dicembre con i più poveri che, proprio nel giorno di Natale, si ritrovano da soli. Questo pranzo si svolge in Chiesa, segno di accoglienza». «Ci tengo a sottolineare – ha concluso Piero Giglio – che sono persone che noi aiutiamo tutto l’anno. Persone che vivono per strada, zingari del campo rom del quartiere Zia Lisa e tanti anziani».