Autore Topic: CATANIA: Andy Warhol in mostra alla galleria Carta Bianca fino al 15 Gennaio  (Letto 1080 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Andy Warhol in mostra alla galleria Carta Bianca fino al 15 Gennaio

Nella sala della galleria Carta Bianca  le immagini ci riportano a quell’America  in cui Marylin era icona di bellezza  assoluta e i Velvet Underground  non avrebbero mai immaginato che “Sunday mornin” sarebbe diventata  una  dolce melodia.  Sembra un piccolo miracolo: torniamo indietro di tanti anni ma tutto rimane attuale, Worhol con la sua rappresentazione acritica del consumismo continua a stupirci ed emozionarci.
“Se volete sapere tutto di Andy Warhol, non avete che da guardare la superficie dei miei quadri, i miei film e me stesso. Eccomi. Nulla è nascosto”
 
E guardando sembra davvero di conoscere quest’uomo simbolo dell’arte contemporanea:  si rimane increduli davanti alla polvere di diamante che fa’ da sfondo alle scarpe di “Diamond dust shoes” , mentre le serigrafie della serie Ladies and Gentleman (che raffigurano suoi amici di colore vestiti da drag queen), quelle celeberrime di Marilyn  e il ritratto di Joseph Beuys (sempre in serigrafia) ci dicono tanto sul suo modo di vedere la società e la bellezza: “Non penso di rappresentare i principali sex symbol  del nostro tempo in certi quadri come per esempio Marilyn Monroe o Liz Taylor. Ai miei occhi la Monroe è una persona come tante. Quanto al fatto se sia o meno simbolico dipingere la Monroe con colori così violenti: è la bellezza, e lei è bella, e se qualcosa è bello i colori sono belli, ecco tutto.” , ma è il ritratto di Joseph Beuys , meno conosciuto,  che stupisce di più: il volto dell’artista tedesco, riprodotto per ben quattro volte e relegato a solo una parte della tela (quella di un sacco da biancheria), si impone per la forza dei tratti e  dello sguardo in un espressione indecifrabile. 
 
Con Andy Warhol l’arte perde la sua unicità ed entra nella vita quotidiana diventa oggetto comune come la copertina del secondo vinile dei Velvet Underground e Nico con le labbra della cantante e una bottiglia di coca cola : “Mentre guardi alla televisione la pubblicità della Coca Cola, sai che il presidente beve Coca Cola e anche tu puoi berla. (…) Tutte le coche sono uguali e tutte le coche sono buone.”  E per Andy Warhol l’arte dev’essere come la Coca Cola: buona per tutti entra nella vita di ogni giorno  senza distinzioni sociali o culturali e senza celebrazioni.