Autore Topic: Arrestato 71enne abus˛ della figlia 26enne e uccise il neonato  (Letto 999 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
Per anni ha abusato della figlia ma quando da quelle violenze Ŕ nato un bimbo, il papÓ-nonno non ha esitato a disfarsi del frutto dell'incesto e ha ucciso il piccolo. Dopo 15 anni dal delitto i carabinieri del comando provinciale di Cagliari sono riusciti a individuare il colpevole e hanno arrestato Stefano Casula ex operaio di 71 anni di Nuxis, nel basso Sulcis, con l'accusa di omicidio volontario aggravato.
Era il 25 febbraio 1996 quando un automobilista not˛ un corpicino abbandonato tra i rifiuti, sotto a un cavalcavia all'entrata di Siliqua, paese a una trentina di chilometri da Cagliari. Stando alle successive analisi, il bambino era nato vivo e in buone condizioni di salute e sarebbe morto a pochi giorni dal parto, soffocato per l'ostruzione della trachea con della carta igienica. Il corpo del piccolo presentava inoltre lividi, fratture alla testa e segni sulla gola, come se il suo assassino avesse cercato in pi¨ modi di togliergli la vita.

Il neonato venne battezzato con il nome di Giorgio e sepolto nel cimitero del paese, ma la sua morte Ŕ rimasta un mistero fino a quando, una decina di giorni fa, si Ŕ avuta una svolta nelle indagini. I carabinieri, grazie a una serie di "voci" diffusesi nel corso degli anni in paese, sono risaliti alla famiglia Casula.

I militari hanno quindi bussato alla porta di Marinella, oggi casalinga di 41 anni, la madre del neonato ucciso, per prelevarle il Dna. Ma prima ancora dell'accertamento, lei ha raccontato la sua veritÓ ai carabinieri. Il bambino, come confermato dai successivi accertamenti tecnico-scientifici, era frutto di un incesto e delle violenze subite dalla donna per anni: partorito in gran segreto, il bambino era stato poi "preso in consegna" dal papÓ-nonno.

La donna, che viveva ancora con il padre, Ŕ stata indagata per concorso in omicidio. L'uomo, giÓ interrogato dal Gip, si Ŕ avvalso della facoltÓ di non rispondere, ed Ŕ stato rinchiuso nel carcere Buoncammino a Cagliari.