Autore Topic: Poliziotto rovinato dai debiti al videopoker sequestra 15enne  (Letto 1311 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306

«Sono rovinato dai debiti al videopoker: per questo l' ho sequestrato...».
 A confessare in lacrime ai carabinieri di Monterotondo che lo hanno arrestato è un poliziotto di 45 anni, Massimo Guidi, che ieri ha rinchiuso per sette ore, in una casa in costruzione nelle campagne di Palombara Sabina, A., un ragazzo di 15 anni.
 La vicenda è iniziata a Palombara verso le 7, mentre la vittima stava andando a piedi alla fermata del bus diretto a scuola, a Guidonia.

 «L' aveva scelto fra i compagni di scuola del figlio», spiegano gli investigatori dell' Arma, che l' hanno immobilizzato durante la consegna del riscatto, 75 mila euro in contanti. «All' inizio ho pensato a uno scherzo, ma poi mi sono accorto che faceva sul serio - racconta il giovane, affiancato dal padre dopo la liberazione -.

Mi ha costretto a salire sul furgone e dopo mi ha portato nella casa in campagna. L' avevo riconosciuto dalla voce fin dall' inizio e quando gli ho detto: "Massimo, che stai facendo?", mi ha dato un ceffone». Il sequestratore ha telefonato 7-8 volte al padre del rapito, 51 anni, titolare di una società in Sabina. L' uomo, però, ha chiamato il 112: i militari del Nucleo investigativo di via in Selci hanno organizzato la consegna del riscatto e appena Guidi ha preso i soldi, gli sono saltati addosso.

A pochi metri, sul furgone, c' era il ragazzo. L' agente, in servizio in un ufficio del ministero dell' Interno - dove non ha mansioni operative e si occupa dello smistamento della posta - è stato arrestato per sequestro di persona aggravato.