Autore Topic: Poliziotto chiedeva soldi in servizio: duplicato di patente costava € 200,00  (Letto 1178 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ibleonet

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 2306
 Un poliziotto chiedeva soldi ai cittadini per svolgere servizi che in realtà sono completamente gratuiti. Questa mattina gli agenti della questura pratese hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un loro collega: un agente di 49 anni in servizio a Prato da maggio presso l'ufficio denunce, accusato di concussione.
 
Del poliziotto non sono state rese note le generalità, ma di lui si sa che era già stato raggiunto da un provvedimento disciplinare quando lavorava in un'altra sede. L'uomo stamattina è stato raggiunto dal provvedimento di custodia sul luogo di lavoro: ha chiesto e ottenuto denaro dagli utenti - soprattutto anziani e stranieri - per fornire loro il duplicato della patente smarrita. Si tratta di un'operazione notoriamente gratuita, per la quale il poliziotto arrestato chiedeva 200 euro.
Qualora i cittadini non avessero avuto con sè il denaro, l'agente si metteva a mercanteggiare chiedendo loro quanto possedevano in quel momento: l'uomo era arrivato ad accontentarsi - si fa per dire - anche di 15 euro.
Le indagini sul reato sono partite quando una signora, casualmente, si era lamentata con un altro poliziotto del fatto che il duplicato del documento e il rilascio dio quello sostitutivo ''costasse così tanto''. I sospetti sono divenuti certezze dopo che un controllo sulle ultime 12 operazioni dell'agente ha fatto emergere che in 8 casi l'uomo aveva chiesto denaro.